Totti se ne va. E io detesto gli addii…

L’ultimo tempo di Totti, l’ingresso in campo nella partita finale con la maglia della Roma, il boato dell’Olimpico e l’omaggio al campione più amato del calcio italiano

Detesto gli addii. Provo tutta la tristezza dei congedi definitivi, dei rimpianti per quello che si perde o a cui bisogna rinunciare, il rammarico di fronte allo svanire di qualcosa. Detesto il concetto di chiudere, concludere, finire, recidere. Il distacco, l’ultimo saluto, la separazione definitiva.

Addio è un groppo in gola, è il trasferimento della maestra in seconda elementare, è la compagna di banco che emigra in Germania con tutta la famiglia, è Totò in Nuovo Cinema Paradiso, sono le partenze alla fine delle feste di Natale, è un amore che si consuma. Addio è mancanza, è perdita, è qualcuno o qualcosa che si lascia definitivamente.

L’ultima partita di Francesco Totti con la maglia numero 10 della Roma è un addio. Un piccolo addio ad un pezzo di vita che è passata ed è passata per sempre. Con dentro tutto quello che c’è stato in questo quarto di secolo che finisce, idealmente, nel trionfo sacrosanto di un campione come lui, un campione vero, e non solo dentro al campo.

Totti e la Roma, una vita sempre con la stessa maglia, la stessa bandiera, la stessa fede. E’ come amare sempre la stessa donna, tutta la vita, di un amore esclusivo, totale, sempre con la stessa passione, ricambiata e reciproca. Fino alla fine.

Totti è il capitano, è un simbolo, una leggenda. E’ un campione che tutti hanno amato, con il suo calcio, il suo cucchiaio, la sua faccia, i suoi congiuntivi, il pollice in bocca, il quattro con le dita, le barzellette, il candore, il suo essere vero, sincero, com’è. Resterà sempre il Pupone, come Baresi sarà sempre il capitano, Baggio il codino, Del Piero Pinturicchio.

Totti è una parentesi che si chiude, un sipario che cala, un riflettore che si spegne, è l’ultimo minuto del secondo tempo supplementare. Poi si va ai rigori. Fino al triplice fischio finale. Ma per fortuna gli addii non contano, conta solo quello che c’è stato.

Lo Scordabolario di Salvo Piparo, il dizionario delle parole perdute, sarà live nell'atrio di Palazzo delle Aquile sabato 16 e domenica 17 dicembre

Lo Scordabolario di Salvo Piparo nell’atrio di Palazzo delle Aquile

Sabato 16 e domenica 17 dicembre, alle ore 18.00, Lo Scordabolario di Salvo Piparo sarà live nell'atrio di Palazzo delle Aquile. Nato per gioco, tra uno spettacolo e un altro, Lo Scordabolario, ideato, pensato e girato da Salvo Piparo, diventa ...
Leggi Tutto
Lezioni di tango alla Cittadella dell’artigianato, in via Magliocco a Palermo. Un’iniziativa di Confartigianato Sicilia nell’ambito della fiera di Natale

Palermo, lezioni di tango alla fiera di Natale di via Magliocco

Lezioni di tango ieri sera alla Cittadella dell’artigianato in via Magliocco a Palermo. Un’iniziativa di Confartigianato Sicilia nell’ambito della fiera di Natale che ha preso il via il 7 dicembre scorso. Un appuntamento organizzato in collaborazione con la scuola di ...
Leggi Tutto
Arsenale della Marina Regia a Palermo sarà presentato Orion, il Museo multimediale dello Stretto di Messina: sarà virtuale con accesso gratuito su Internet

Orion: il museo multimediale dello Stretto di Messina

Venerdì 15 dicembre 2017, alle ore 11,00, all'Arsenale della Marina Regia a Palermo sarà presentato il Museo multimediale dello Stretto di Messina intitolato "Orion. Scilla e Cariddi il mito del mare", finanziato dall'Assessorato Regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana ...
Leggi Tutto

Viale Emilia, Associazione Comitati Civici: “Armadietto ripetitore pericoloso e illuminazione carente”

Un armadietto ripetitore non a norma e pericoloso per i passanti in viale Emilia, all'altezza del civico 3, a Palermo. La segnalazione al gazzettinodisicilia.it arriva dall'Associazione Comitati Civici, che denuncia la carenza di illuminazione nella stessa strada. "Abbiamo notato un ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest