Giuseppe Tornatore e la vita al contrario: senza Nuovo Cinema con quale altro film avresti vinto l’Oscar?

C’è qualcosa di talmente siciliano in lui da rendere qualsiasi sua opera riconoscibile all’istante. Magari per Giuseppe Tornatore non sarà un complimento perché la Sicilia è la terra del cuore ma l’arte aspira sempre ad essere universale. Suppongo, tuttavia, che ogni artista può esserlo a modo suo e che siciliano non sia aggettivo limitativo.
Giuseppe Tornatore ha vinto l’Oscar praticamente a prima botta. È stata una fortuna? Difficile rispondere di no, ma noi vogliamo provare ad immaginare la sua carriera se fosse andata diversamente.
Se solo fosse stato meno precoce forse si sarebbe divertito di più. E invece sempre a dover dimostrare di essere da Oscar ad ogni film, in un altro campo si parlerebbe di ansia da prestazione. L’Oscar lo avrebbe vinto lo stesso, forse addirittura due volte. La Leggenda del Pianista, nel 1999, aveva tutte le caratteristiche per centrare l’obiettivo. Ma si è mai visto un regista straniero fare la doppietta nel giro di 10 anni? E lasciando da parte Una Pura Formalità, tanto coraggioso quanto poco italiano, c’è la straordinaria prova d’autore del 2013, La Migliore Offerta, che avrebbe meritato la statuetta più di Nuovo Cinema Paradiso.
L’Oscar precoce ha tarpato le ali a tutte le altre tappe successive. È vero che non si producono film sempre pensando a quel dannato premio, ma sapere che comunque vada non arriverà “a prescindere ” non deve essere bello.
Detto questo, spero che il signor Giuseppe da Bagheria, l’ennesimo genio sfornato a pochi chilometri da Palermo, la vita se la sia goduta egualmente. Fa il mestiere che ha sempre sognato, ha la consapevolezza di avere meritato il successo che ha avuto, vive la fortunata dimensione di siciliano in esilio volontario, porta nel cuore il meglio dell’amata terra e il peggio lo lascia a noi. E si è pure tolto lo sfizio di girare un film-omaggio alla sua famiglia e al suo Paese. Un film che a molti è sembrato una terapia psicanalitica, buona per chiudere una volta per tutte i conti con il passato.
Se il mondo finisse oggi e si dovesse presentare davanti al dio del cinema, pagherebbe un prezzo irrisorio per varcare la porta celeste. Probabilmente gli si chiederebbe il sacrifico di lasciare le bobine di Malena dietro la porta. E per il resto ci sarebbero ore e ore di pellicola, di soggetti e di idee a testimonianza indissolubile del suo talento.

Timeline del 27 maggio

1860 – Ha inizio l’insurrezione di Palermo che porterà alla conquista della città da parte della spedizione dei Mille
1924 – Viene fondata la Music Corporation of America (MCA)
1930 – Lo statunitense Richard Drew inventa il nastro adesivo
1937 – In California il Golden Gate Bridge apre al traffico pedonale, creando un collegamento vitale tra San Francisco e Marin County
1939 – Esce negli USA Detective Comics#27, fumetto che vede la prima apparizione di Batman, personaggio creato da Bob Kane e Bill Finger
1972 – Il presidente dell’Unione Sovietica Leonid Brežnev e il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon firmano l’accordo SALT I
1993 – Attentato dinamitardo di origine mafiosa in via dei Georgofili a Firenze
1999 – Il Tribunale Internazionale dei Crimini di Guerra dell’Aia, incrimina Slobodan Milošević e altre quattro persone per crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi nel Kosovo

I NATI OGGI

1902 – Erminio Macario, attore e comico
1922 – Christopher Lee, attore, doppiatore e cantante britannico
1923 – Henry Kissinger, politico statunitense
1933 – Antonino Buttitta, antropologo, docente e politico
1934 – Enzo Siciliano, scrittore, critico letterario e drammaturgo
1935 – Ramsey Lewis, compositore e pianista statunitense
1944 – Bruno Vespa, giornalista, conduttore televisivo e scrittore
1950 – Dee Dee Bridgewater, cantante statunitense
1956 – Giuseppe Tornatore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico
1967 – Andrea Mirò, cantautrice, compositrice e musicista
1971 – Salvatore Ficarra, attore, cabarettista e conduttore televisivo
1974 – Paolo Briguglia, attore

 

 

 

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto

Palestina, a Palermo arriva Freedom Flotilla

Palermo diventa capitale di solidarietà con la Palestina. La Coalizione Internazionale “Freedom Flotilla” ha voluto il capoluogo siciliano che sarà tappa del proprio tragitto verso la striscia di Gaza per la campagna internazionale di sensibilizzazione e protesta verso il blocco del ...
Leggi Tutto
Federica Pace L'arte di essere nessuno

L’arte di essere nessuno di Federica Pace: identità di genere, disabilità, amore e morte di fronte al dolore della non accettazione

“Amore è il fatto che tu sei per me il coltello col quale frugo dentro me stesso” Richiama questa frase Federica Pace, classe 1989, di origine siciliana, una terra storicamente gemellata con quella partenopea, autrice del libro L'Arte di essere ...
Leggi Tutto