Salvo tutto

Un anno da incorniciare, da Striscia al successo  cinematografico e alle Rane di Aristofane. E Ficarra, l’altra “metà ” di Picone, alla vigilia del suo 46esimo compleanno, non le manda a dire a Palermo e ad alcuni siciliani. “Il nuovo sindaco di Palermo? Vi ricordo L’Ora legale: non basterà neanche Mandrake se non cambieremo stile di vita. Incursioni nella politica? Anche gli attori hanno idee e il diritto di esprimerle. Pif, come molti di noi, ha abbracciato una causa giusta. La questione dei disabili è una vergogna per chi non l’ha risolta”. E poi l’omaggio a Bruno Vespa e il suo sogno impossibile…

Da Palermo a Milano, passando per Siracusa. Da una parte Striscia la notizia, dall’altra ‘Le Rane‘ di Aristofane. Spettacolo che debutterà il 29 giugno al Teatro Greco di Siracusa e che, per la prima volta, vede coinvolti Ficarra & Picone nei classici greci. Un regalo che per Salvo Ficarra vale doppio.

Buon compleanno, Ficarra. E così siamo a 46…

Vabbè, è un modo di dire. Non c’è niente di serio.

Mi pare una cosa serissima, invece. Che momento è della tua vita?

Un momento bello. Mi sono fatto un regalo meraviglioso, ‘Le Rane’ di Aristofane a Siracusa. Una cosa che non è da tutti. Me la voglio godere.

Quindi ti toccherà condividere l’ennesimo compleanno con Picone…

Quello ormai è la mia tragedia. Ho passato più anni con lui che da solo. Ne ho fatti 21 da solo e 25 con lui. Tu pensa…

Conduci un tg satirico, sei palermitano e a Palermo ci saranno presto le elezioni per il nuovo sindaco. Che mi dici?

Ti posso dire poco, sto a Milano e non posso seguire bene tutto. Ma è un po’ come ‘L’ora legale‘. Possiamo eleggere anche Mandrake come sindaco, ma se noi non cambiamo il nostro stile di vita non si va da nessuna parte. E’ come eleggere il capo condominio. Non vai, poi, a parcheggiare dove non ti spetta o a gettare la spazzatura qua e là. Bisogna aiutarlo, con senso civico e di responsabilità.

Che ne pensi di quei tuoi colleghi, per esempio Pif, che qualche volta intervengono al di fuori della loro sfera lavorativa?

Legittimo. Non vedo perché un impiegato o un insegnante di lettere possano unirsi ad una protesta e uno come noi, uno che fa televisione o cinema, non debba avere voce in capitolo. Vorrei proprio capire qual è la differenza. Forse se Pif fa televisione vuol dire che non ha un’opinione? Certo che ce l’ha ed è in grado di esprimerla. Poi quando fa il suo lavoro, fa il suo lavoro. Pif, come noi e tanti altri, si è battuto in particolare per una vicenda davvero vergognosa, quella dei disabili. Una vergogna per chi ancora non se ne occupa. Come sono vergognosi quelli che nel 2017 parcheggiano nei posti riservati ai disabili. Parcheggiassero una biga, e quindi arrivassero dall’Impero romano, allora lo capirei. Ma oggi?

Hai ragione. Mi dici qual è un regalo che ti piacerebbe ricevere?

Ho già ricevuto tanti regali, quest’anno. Anche il successo de ‘L’ora legale’ è un regalo. Stiamo ricevendo un sacco di premi, siamo contenti. Diciamo che si chiude bene il 45° e si apre benissimo il 46°. Cos’altro posso sperare? Un film con Tornatore, per esempio…

Ma dai…

Perchè no? Una piccola parte l’ho già fatta, ma…

Vorresti fare il protagonista in un film di Tornatore, ho capito bene?

Beh, se uno deve osare, osa. Ma è un sogno che credo di condividere con altri diecimila attori, non è neanche tanto originale.

Vuoi mandargli un messaggio?

Ma io i messaggi glieli ho lasciati ovunque! Posso soltanto passare alle minacce.

Meglio di no…

Ma sai che siamo nati lo stesso giorno? E insieme condividiamo questo giorno con Bruno Vespa. Vedi tu come sa essere beffarda a volte la vita. Mette nello stesso giorno me e Peppuccio. E poi, per non farci gioire troppo, mette pure Bruno Vespa. Gli farò gli auguri come tutti gli anni da Striscia la notizia.

Dimmi invece che augurio vuoi fare a te stesso…

Quello di poter continuare a fare con la stessa passione il lavoro che faccio. Quando non ci sarà più, ci apriremo un bar sulla spiaggia di Mondello. Il bar ‘Nati stanchi’. Un bar particolare, però. Fai da te. Vuoi il caffè? Entri e te lo prepari. E i soldi lasciali pure alla cassa e non aspettarti il resto.

A tinte forti, Parco delle Madonie

“Quattro donne”. A Villa Sgadari, Petralia Soprana, presentazione del libro di Carla Garofalo

Petralia Soprana - Nella favolosa settecentesca Villa Sgadari, sabato 20 ottobre 2018, alle 17.30, si presenterà il libro "Quattro donne” di Carla Garofalo, Qanat Edizioni ed arti visive. Converseranno con l'autrice, la giornalista Maria Giambruno e la scrittrice Mari Albanese ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto