Lo sfogo di Caronia: “Contro di me un processo mediatico”

“E tu quanti Rolex hai preso?”. Una provocazione che ha fatto scattare la reazione di Marianna Caronia, coinvolta nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’armatore della Liberty Lines, Ettore Morace, e del deputato regionale e candidato a sindaco di Trapani, Girolamo Fazio. Per lei si tratta di giustificare la liquidazione percepita in qualità di ex dipendente Siremar, società con la quale era in contenzioso.
“Se persone che conosco mi tirano in ballo per la questione dei Rolex, significa che il livello di informazione è molto basso – dice Marianna Caronia -. Cosa c’entro io con i Rolex? Ogni volta che mi candido mi mettono al centro dell’attenzione per fatti ai quali sono estranea. Nel 2012 mi presentai nella corsa a sindaco e arrestarono un mio candidato, poi prosciolto da ogni accusa. Adesso questa vicenda della liquidazione”.

Le è arrivato un avviso di garanzia…
“Vero, un atto dovuto. Io ho fiducia nella magistratura ma al processo mediatico non ci sto. Vengono riportate cose non vere come la storia delle fatture false (secondo gli inquirenti dovrebbero coprire il 50% della somma liquidata da Siremar, ndr) che l’inchiesta saprà chiarire. La verità, prima o poi, viene a galla. E intanto io sono sulla graticola”.

Ci racconti la sua versione sul contenzioso con Siremar
“Dopo 25 anni da dirigente sono stata costretta a lasciare il lavoro, come tanti altri lavoratori, per un piano di delocalizzazione. Ripeto 25 anni da dirigente, non mi sembra che la cifra di 100.000 euro sia una mostruosità considerato anche che il saldo è avvenuto in sede di conciliazione”.

È stato tirato in ballo anche suo padre Giuseppe, potente esponente sindacale regionale e nazionale della Uil marittimi…
“Pensi che per la conciliazione ho scelto la Cgil proprio per evitare che si potesse pensare male. Mio padre è in pensione dopo 40 anni di lavoro sindacale nel corso dei quali ha affrontato vicende giudiziarie già chiuse. Ogni volta che parlano di me c’è chi cerca di infilare le vicende di mio padre. E questo è inaccettabile. Finchè si fa riferimento alla storia della mia liquidazione capisco che ci sono motivi di cronaca che lo impongono. Il resto mi sembra, come minimo un po’ malizioso, se non addirittura un atto di cattiveria”.

Ha pensato di farsi da parte?
“Ritirarmi? Non se ne parla nemmeno. Sono serena, ho la coscienza a posto e non mollo neanche di un passo”.

Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto
Carmelo Ferlito

Carmelo Ferlito, tre premi speciali al “Var Talent 18”

Il cantante catanese si è classificato al 4° posto al “VarTalent 18" Festival Canoro d'Italia (6 ottobre - Trento) ma si aggiudica ben tre premi speciali: migliore base, migliore interpretazione e migliore look Carmelo Ferlito, cantante e interprete originario di ...
Leggi Tutto