Lo sfogo di Caronia: “Contro di me un processo mediatico”

“E tu quanti Rolex hai preso?”. Una provocazione che ha fatto scattare la reazione di Marianna Caronia, coinvolta nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’armatore della Liberty Lines, Ettore Morace, e del deputato regionale e candidato a sindaco di Trapani, Girolamo Fazio. Per lei si tratta di giustificare la liquidazione percepita in qualità di ex dipendente Siremar, società con la quale era in contenzioso.
“Se persone che conosco mi tirano in ballo per la questione dei Rolex, significa che il livello di informazione è molto basso – dice Marianna Caronia -. Cosa c’entro io con i Rolex? Ogni volta che mi candido mi mettono al centro dell’attenzione per fatti ai quali sono estranea. Nel 2012 mi presentai nella corsa a sindaco e arrestarono un mio candidato, poi prosciolto da ogni accusa. Adesso questa vicenda della liquidazione”.

Le è arrivato un avviso di garanzia…
“Vero, un atto dovuto. Io ho fiducia nella magistratura ma al processo mediatico non ci sto. Vengono riportate cose non vere come la storia delle fatture false (secondo gli inquirenti dovrebbero coprire il 50% della somma liquidata da Siremar, ndr) che l’inchiesta saprà chiarire. La verità, prima o poi, viene a galla. E intanto io sono sulla graticola”.

Ci racconti la sua versione sul contenzioso con Siremar
“Dopo 25 anni da dirigente sono stata costretta a lasciare il lavoro, come tanti altri lavoratori, per un piano di delocalizzazione. Ripeto 25 anni da dirigente, non mi sembra che la cifra di 100.000 euro sia una mostruosità considerato anche che il saldo è avvenuto in sede di conciliazione”.

È stato tirato in ballo anche suo padre Giuseppe, potente esponente sindacale regionale e nazionale della Uil marittimi…
“Pensi che per la conciliazione ho scelto la Cgil proprio per evitare che si potesse pensare male. Mio padre è in pensione dopo 40 anni di lavoro sindacale nel corso dei quali ha affrontato vicende giudiziarie già chiuse. Ogni volta che parlano di me c’è chi cerca di infilare le vicende di mio padre. E questo è inaccettabile. Finchè si fa riferimento alla storia della mia liquidazione capisco che ci sono motivi di cronaca che lo impongono. Il resto mi sembra, come minimo un po’ malizioso, se non addirittura un atto di cattiveria”.

Ha pensato di farsi da parte?
“Ritirarmi? Non se ne parla nemmeno. Sono serena, ho la coscienza a posto e non mollo neanche di un passo”.

Ponte sullo Stretto, Di Battista: “Berlusconi manda messaggio chiaro alla mafia”

''Berlusconi quando parla di Ponte sullo Stretto sta mandando un messaggio chiaro alla mafia. Qui il problema sono le strade, le ferrovie e le autostrade. La Sicilia l'ho girata la scorsa estate e i problemi sono altri''. Lo ha detto a Messina, ...
Leggi Tutto
Roberto Lagalla

Formazione, Assessorato firma protocollo per la legalità. Lagalla: “Opportunità educativa”

È stato stipulato un protocollo d’intesa tra l’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale e il “Pool antiviolenza e per la legalità dell’Inner Wheel Palermo Normanna”, ONG inserita nell’ECOSOC ROSTER, che esprime quattro rappresentanti all’ONU. L’obiettivo è quello di cooperare per la promozione ...
Leggi Tutto
due denunciati per furto energia grazie a Padre Pio

Energia, bollette insolute per un miliardo di euro. Adiconsum: “Tutelare chi è in regola”

Sembra ammontare a un miliardo di euro l'ammontare delle bollette dell'energia elettrica insolute in tutto il territorio nazionale. "Ciò che preoccupa, adesso, è che per far fronte alla crisi dei fornitori, sembrerebbe che la giustizia amministrativa abbia ipotizzato che per ...
Leggi Tutto
“Matrimonio sicilian style”, venerdì al via il Buy Wedding

“Matrimonio sicilian style”, venerdì al via il Buy Wedding

Prenderà il via venerdì 23 febbraio, alle ore 16,30, la borsa internazionale dei matrimoni in Sicilia. Tre giorni dedicati al mondo del wedding in Sicilia con 25 buyers esteri che per la prima volta saranno a Palermo, fino a domenica ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest