Morace, triplice fischio finale

Un giorno che la famiglia Morace ricorderà a lungo. In un solo colpo tre sogni che si infrangono, una reputazione che crolla sotto le macerie giudiziarie e sportive. Ettore Morace, il figlio di Vittorio, patron della Liberty Lines, finisce in carcere, con l’accusa di corruzione; il Trapani calcio retrocede in serie C nel più beffardo dei modi;  la moglie dell’armatore trapanese, Anne Marie Collart, era tra gli assessori designati di Girolamo Fazio, deputato regionale e candidato a sindaco sempre a Trapani, arrestato anch’egli dai Carabinieri.

È la fine del mito incarnato dalla famiglia Morace. L’anno scorso ad un passo dalla serie A e dall’essere riconosciuto dalla politica locale, quale gruppo imprenditoriale di riferimento, come testimonia l’opzione assessoriale. Una reputazione solida sino a ieri. Oggi il dramma familiare e la retrocessione in serie C che chiude un ciclo dopo anni di successi. Il campanello d’allarme era già scattato, tuttavia dietro il fallimento c’è l’atto di presunzione con cui è stata allestita la squadra in estate.

Perdere Petkovic, Scognamiglio, Perticone e Scozzarella e  puntare su portieri di alcuna esperienza si è rivelato un suicidio, una mossa da fare invidia al peggiore  Zamparini.

I rimedi a gennaio sono stati efficaci ma troppo intempestivi e a nulla è valso un girone di ritorno a ritmo promozione. Storcere il naso per ciò che è accaduto all’ultima giornata ad Avellino e Ascoli adesso serve a poco. Bastava un punto in casa con il Cesena – peraltro già salvo – per andare dritti dritti ai play off. Invece il Trapani è colato a picco senza attenuanti.

Risalire non sarà facile, se Morace di investimenti in questi anni ne ha fatti davvero pochi, perché dovrebbe invertire la rotta adesso in un clima “meno allegro”?.

Sono pochi i giocatori di proprietà ad avere mercato. Citro, ad esempio, artefice di un campionato strepitoso lo scorso anno, non è detto che oggi trovi estimatori in grado di soddisfare le richieste pur ridotte dei granata.

Per ripartire dalla serie C ci vuole una rosa adeguata alla categoria, gente di carattere ed esperienza, giovani in grado di reggere uno dei tornei più difficili dal punto di vista agonistico e atletico. E soprattutto una guida tecnica in grado di orientare le scelte. Purtroppo, ad oggi, il Trapani non ha niente di tutto questo, meno che meno l’entusiasmo con il quale Morace ha accompagnato 6 anni fa la scalata della squadra sino alle soglie della serie A. Quello che sembrava davvero un miracolo sportivo – una squadra di semi sconosciuti che bussava alla porta della massima serie – in meno di un anno si è trasformato in un incubo che la città certamente non merita. Se si esclude la vicenda legata all’intimidazione a Serse Cosmi, i cui contorni non sono mai stati chiariti, l’ambiente che ha circondato il Trapani si è rivelato il valore aggiunto attraverso il quale sono stati realizzati risultati al di sopra della cifra tecnica della squadra. Adesso si apre una nuova fase, piena di incognite. La prima fra tutte riguarda proprio Morace: troverà la forza per ricominciare una nuova avventura?

squalo torturato e ucciso

VIDEO – Inutile crudeltà contro uno squalo, la denuncia di Mareamico, Wwf e Marevivo

Qualche giorno fa, lo scorso 14 agosto, la stampa ha segnalato la presenza di uno squalo a pochi metri dalla riva presso una spiaggia di Sciacca in località Tonnara. Successivamente si è saputo che lo squalo era stato allontanato ed ...
Leggi Tutto
Mario Basile, Cisl FP

Cisl Fp su minacce sindaco San Giuseppe Jato: “Atto gravissimo, che fa tornare indietro a un brutto passato”

"Le minacce al sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro, rappresentano un atto gravissimo che riporta indietro a un brutto passato". Lo afferma Mario Basile, responsabile del dipartimento area contrattuale Funzioni locali della Cisl Fp Palermo Trapani, che esprime piena ...
Leggi Tutto
Piloni viadotto Morandi, Agrigento

Viadotto Morandi Akragas, sindaco di Agrigento convoca riunione su ipotesi demolizione

L’ipotesi di procedere alla demolizione del viadotto Akragas sulla strada statale che collega il capoluogo agrigentino con Porto Empedocle sarà discussa il prossimo 7 settembre in una riunione convocata dal sindaco di Agrigento Calogero Firetto. Il viadotto fu costruito su ...
Leggi Tutto
Rita Borsellino

Il cordoglio per la scomparsa di Rita Borsellino. Orlando: “Ha trasformato la sua tragedia in impegno civile”

“Provo grandissimo dolore per la scomparsa di Rita Borsellino, che con la sua dolce determinazione ha combattuto tante battaglie non solo di legalità e civiltà nella nostra Isola e nel nostro Paese”. Leoluca Orlando rende così omaggio alla sorella del ...
Leggi Tutto