Anello ferroviario, scioperano i dipendenti. I sindacati: “Necessaria una soluzione”

Niente stipendi per i lavoratori del cantiere dell’anello ferroviario di Palermo. Forse una prima tranche dovrebbe essere versata entro venerdì. E per questo motivo i lavoratori, stamattina, hanno deciso di scioperare. A comunicarlo i segretari generali di di Filca Cisl Sicilia e di Filca Cisl Palermo Trapani, Santino Barbera e Paolo D’Anca.

“Gli impegni assunti nelle recenti riunioni al ministero dello Sviluppo economico – hanno detto Barbera e D’Anca – non si stanno traducendo in fatti. La vicenda della Tecnis e in generale quella della realizzazione di un’opera così importante come l’anello ferroviario, non può aspettare i tempi della politica. Servono fatti concreti”.

“Il rischio incompiute è dietro l’angolo – aggiungono i sindacalisti – sia per l’anello ferroviario che per le altre infrastrutture fondamentali come lo scorrimento veloce Palermo-Agrigento. Queste opere vanno completate senza se e senza ma. È ininfluente quali siano le aziende che le completino, purché questo avvenga”.

Una manifestazione per contestare quanto sta accadendo è stata organizzata per venerdì 19 maggio dalle sigle Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil. La protesta si svolgerà agli svincoli di Bolognetta e di Lercara Friddi, per sollecitare le istituzioni a finanziare la realizzazione dell’opera nei due tratti Palermo-Bolognetta e Lercara-Agrigento.

Pin It on Pinterest