Che mondo sarebbe senza Mark Zuckerberg? Il profilo del genio dei social, dall’invenzione di Facebook all’acquisizione di Whatsapp

È tra gli uomini più ricchi del mondo eppure con il suo stipendio potrebbe a stento acquistare un pacchetto di caramelle. Mark Zuckerberg, mister Facebook, 33 anni oggi, è uno di quegli uomini che gode di un privilegio assai raro: constatare ogni giorno l’effetto dirompente della sua creatività nella società contemporanea.

Il suo impero è virtuale, i soldi che ne ricava assolutamente reali. Sono ben più di un miliardo in tutto il mondo gli utenti registrati a Facebook, quasi l’80% di essi non saprebbe come farne a meno. La storia la sanno ormai tutti come se tutti avessero vissuto in quella stanza di Harvard dove il nostro eroe (?), assieme ad altri 4 compagni di corso, strutturò quell’idea che avrebbe creato, di fatto, l’era dei social network.

Sull’origine dell’intuizione rivoluzionaria esistono molti dubbi, incentivati da azioni legali risarcitorie di cui non è dato conoscere l’esito. Sullo sviluppo di Facebook non ci sono dubbi: è Zuckerberg il genio che ha saputo inventare un nuovo strumento di comunicazione basandosi sulla banalissima idea di una piattaforma che avrebbe dovuto consentire la condivisione di “facce” alla guisa di un tradizionale album di fotografie. Facebook è diventato altro, ben altro. Oggi è il luogo dove si coltivano amicizie, ci si informa, si creano gruppi per affinità elettiva. Facebook è un mondo e ha le sue regole, poche e semplici, ma guai a sgarrare perché in un attimo ti trovi sbattuto fuori.

La sua mamma, Karen Kempner era una psichiatra e lo educò secondo i dettami della religione ebraica da cui il giovane Mark si distacco poco per volta, riabbracciandola dopo diversi anni. La passione per computer e programmi gliela trasmise il padre Edward, un dentista della cittadina di Dobbs Ferry (una ventina di chilometri a nord di New York) che addirittura ingaggiò un docente privato di nome Newman per impartirgli lezioni private. Non c’è, quindi, da stupirsi se già negli anni del liceo Zuckerberg diede alla luce la sua prima invenzione tecnologica, il Synapse Media Player, un riconoscitore automatico delle preferenze musicali dell’utente. In pratica un “genitore” di tutti quei programmi che consentono di creare playlist automaticamente dopo la selezione di pochi brani. Poi venne la volta di Facemash e già si lavora sulle foto. La parola Face, come è facile intuire era nel suo destino. Siamo nel 2004, anno dell’esordio di Thefacebook.com. Tre anni dopo Mark è già miliardario. Resiste alla tentazione di cedere la sua creatura, anzi raddoppia e nel 2014 acquista Whatsapp, il servizio di messaggerie per smartphone.

L’anno scorso il suo patrimonio ha toccato i 61 miliardi di dollari. All’immensa ricchezza accoppia una notevole attività filantropica, le sue donazioni (mezzo milione di dollari, ndr) sono arrivate anche alla Croce Rossa Italiana nel periodo del recente terremoto nel centro Italia.

Timeline del 14 maggio

1796 – Edward Jennerr somministra la prima vaccinazione anti-vaiolo
1939 – All’età di 5 anni, Lina Medina diventa la più giovane madre della storia medica
1948 – Israele si dichiara stato indipendente e viene istituito un governo provvisorio
1964 – Italia: primo arresto per Luciano Liggio, mafioso siciliano detto la Primula Rossa, verrà assolto per insufficienza di prove nel 1969
1973 – Viene lanciata Skylab, la prima stazione spaziale degli Stati Uniti
1975 – Germania: viene fondata gepa, la principale centrale di importazione del commercio equo-solidale tedesca

I NATI OGGI

1880 – B. C. Forbes, giornalista e scrittore scozzese
1943 – Jack Bruce, musicista, compositore e cantante scozzese
1944 – George Lucas, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense
1952 – David Byrne, musicista, compositore e produttore discografico statunitense
1952 – Robert Zemeckis, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense
1962 – Renata Polverini, sindacalista e politica
1963 – Jo Chiarello, cantante
1967 – Valeria Marini, attrice, showgirl
1971 – Sofia Coppola, regista, sceneggiatrice e attrice statunitense
1984 – Mark Zuckerberg, informatico e imprenditore statunitense

 

Pin It on Pinterest