Quando un “no” confermò il divorzio in Italia

Il 12 maggio 1974 si tenne in Italia il referendum abrogativo sul divorzio, il primo della Repubblica Italiana. Il quesito riguardava la legge 898 del 1970, “Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio”, nota come legge Fortuna-Baslini, nomi di coloro che l’avevano proposta. Un referendum indetto in seguito a una discussione molto dibattuta in parlamento, sopratutto da parte dei cattolici degli opposti schieramenti, che seguendo la dottrina cristiana, parlavano di indissolubilità del sacramento del matrimonio. Nel mondo cattolico ci furono profonde spaccature. Le ACLI si schierarono a favore del divorzio, mentre la Democrazia Cristiana ed il Movimento Sociale Italiano contro. Con un’affluenza superiore all’87%, vinse il fronte del no con oltre il 59% e la Chiesa scoprì un Italia più laica e con il gusto per la libertà di coscienza. Il grande sconfitto fu Amintore Fanfani, che aveva giocato tutto, politicamente parlando, sulla campagna referendaria. Un “no”che diede più lustro al Partito Comunista e sopratutto ad Enrico Berlinguer, che ne era il leader. Le alleanze dei governi che ne seguirono furono una logica conseguenza. Tra le regioni in cui vinse il”no”ci furono, a sorpresa, la Sicilia, la Sardegna, insieme alla maggioranza delle regioni del Centro-Nord.

Il referendum sul divorzio – Rai Storia


Timeline del 12 maggio

113 – Inaugurazione della Colonna Traiana a Roma
1820 – Nasce a Firenze Florence Nightingale Infermiera, epidemiologa britannica, fondatrice dell’Infermieristica moderna o Nursing
1948 – Luigi Einaudi presta il giuramento come secondo Presidente della Repubblica Italiana; era stato eletto il giorno precedente con 518 voti su 872
1967 – Alla Queen Elizabeth Hall, Inghilterra, i Pink Floyd presentano il primo concerto rock quadrifonico
1974 – Italia: nel referendum per l’abrogazione della legge sul divorzio vincono i NO con il 59,3% (l’affluenza sfiora l’88%): la legge Fortuna-Baslini resta in vigore
1995 – Cardano al Campo: All’età di 47 anni muore per arresto cardiocircolatorio la cantante italiana Mia Martini

 

I NATI OGGI 

1888 – Mariano Stabile, baritono
1907 – Katharine Hepburn, attrice statunitense
1924 – Piero Turchetti, regista
1932 – Umberto Bindi, cantautore e pianista
1935 – Gary Peacock, contrabbassista statunitense
1942 – Ian Dury, cantautore e attore britannico
1947 – Carmelo Barbagallo, sindacalista
1948 – Steve Winwood, compositore, cantante e polistrumentista britannico
1954 – Ricky Portera, chitarrista
1957 – Antonio Presti, imprenditore e mecenate
1958 – Giacomo Terranova, politico

Lampedusa, il Garante detenuti visiterà hotspot dopo gli incidenti

Il Garante nazionale delle persone detenute o private della libertà personale aveva da tempo programmato una nuova visita all'hotspot di Lampedusa per verificare in che modo le autorità locali e nazionali hanno ritenuto di affrontare le criticità in passato più ...
Leggi Tutto

Lampedusa, carabiniere ferito. Pagano: “Dov’è il Pd? Boldrini perché non si indigna?”

"Giù le mani dalle forze dell'ordine, stop ai clandestini. A Lampedusa abbiamo toccato uno dei punti di non ritorno sul fronte emergenza immigrati: un carabiniere è stato ferito da un gruppo di tunisini clandestini che ha scagliato una sassaiola contro ...
Leggi Tutto
Bruno Marziano ci riprova alle politiche: "Sono un aspirante candidato". E sui collegi uninominali: "Sono come le Olimpiadi"

Bruno Marziano: “Collegi uninominali come Olimpiadi, si va per partecipare”

"Io in questo momento sono un aspirante candidato. Ci sono 20 uscenti, 30 aspiranti e 10 posti per gli eletti, più o meno. Però c’è sempre un rapporto maggiore di quando compri il biglietto della lotteria. In quel caso è ...
Leggi Tutto
Valentina Zafarana, capogruppo del M5S all'Ars, attacca Sgarbi: "Ha un seggio sicuro al Senato? Ha preso in giro i siciliani, vada via subito"

Zafarana (M5S): “Sgarbi ha un seggio sicuro al Senato? Ha preso in giro i siciliani, vada via”

"Sgarbi ha un seggio sicuro al Senato con Berlusconi? Vada via subito, ha preso in giro i siciliani. Anzi, sia Musumeci a fare la prima cosa buona del suo mandato, lo cacci. È inammissibile che la Sicilia sia stata usata ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest