Non è stata la mafia

Non è stata la mafia

Due tentativi di “omicidi eccellenti”: oggi i sospetti sulla integrità di Addiopizzo, ieri le polemiche sulla Fondazione Falcone. Vicende da cui molti protagonisti escono rimpiccioliti. E Cosa Nostra ringrazia…

In poco più di un mese sono state intaccate due delle più forti icone dell’antimafia, simboli di una Palermo che ama dipingersi diversa – ma forse troppo – da quella città borghese, anzi borghesuccia che metropoli lo è per estensione e demografia e provinciale lo rimane per struttura culturale e vocazione all’insulto gridato. E per carità, nessuno dall’ufficio della propaganda municipale ricorra, ancora una volta a sproposito, all’ormai stantio “ecco che tornano i nemici della contentezza”. A parte il fatto che non ci sarebbe nulla di cui essere contenti se non per il sole e per il mare (non tutto per la verità…) che ci ha donato madre natura e per l’eredità arabo normanna dei cui padri si sono perse le tracce genetiche, la contentezza è una categoria dell’anima. E la nostra è triste assai perché sulla padella rosolano la Fondazione Falcone e Addiopizzo.

Nel nome di Falcone si è consumato il primo strappo, la famiglia Morvillo che lascia la Fondazione lamentando un evidente disequilibrio commemorativo a svantaggio della propria congiunta. Un disagio – ha confessato Alfredo Morvillo, magistrato e fratello di Francesca, nonché amico, collega e cognato di Giovanni Falcone – che covava da anni. Facciamo finta per un attimo di essere in una città normale: possiamo dire che da questa vicenda tutti i protagonisti escono rimpiccioliti? Ed ancora che Maria Falcone, lodevole nella sua intenzione di “non far dimenticare” forse avrebbe dovuto compiere, da anni, un passo laterale, come solo i grandi attori sanno fare, e non occupare interamente il centro della scena? È possibile chiedere a Morvillo se era proprio necessario un pubblico atto di accusa verso la sua “consanguinea di fatto”? E più in generale, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, si può ragionare solo e soltanto sull’eredità di Falcone e Borsellino e non sui capricci degli eredi? In una città normale si potrebbe e dovrebbe dire che questi signori non ci stanno più tanto simpatici e che Giovanni e Paolo avranno sempre un posto speciale nei cuori dei siciliani e saranno un pezzo da ricordare della storia della Sicilia. E per gli altri, per tutti gli altri, non sarà così. Si può dirlo senza passare per bestemmiatori? E che sogniamo un abbraccio riparatore – e poco importa chi prenda l’iniziativa – possiamo dirlo?

Capitolo secondo. Già da domenica, come abbiamo raccontato nelle pagine del nostro giornale, è stato avanzato più di un sospetto sulla verginità di Addiopizzo. Dovrebbero chiudere la baracca se fosse vero il meccanismo sui mandati ai legali nei processi contro i taglieggiatori raccontato da Andrea Cottone a Nuti e compagnia (e da qualcuno opportunamente registrato, come si usa fra galantuomini…).

Tuttavia, il contesto in cui è stata fatta questa rivelazione lascia parecchi dubbi, Cottone avrebbe potuto avere più di un motivo di astio verso il gruppo di Addiopizzo di cui Forello è espressione. I toni di Cottone sono quelli dell’amante tradito che cerca solidarietà nel più acerrimo nemico del presunto traditore. Racconto verosimile ma che non è vero fino a quando non lo dirà una autorevole parte terza (non Grillo, per intenderci, ma un giudice…). Resta il fatto che Nuti ha volutamente sfregiato Forello, non tanto e non solo per la vicenda della firme false ma per colpirlo al cuore (cioè Addiopizzo) e al portafogli così come al cuore era stato a sua volta colpito con la scomunica romana attribuita, a torto o a ragione, alle pressioni del gruppo del candidato sindaco. E che dire del cittadino Cottone? Avrebbe dovuto cercare la Procura e non un compagno di sfogo. Comunque, in un modo o nell’altro questa vicenda finirà davanti ai giudici, ormai per interesse di tutti, Forello compreso. In una città normale ci si indignerebbe, a noi scatta l’istinto di un gigantesco Vaffa. E la mafia ringrazia…

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto

Palestina, a Palermo arriva Freedom Flotilla

Palermo diventa capitale di solidarietà con la Palestina. La Coalizione Internazionale “Freedom Flotilla” ha voluto il capoluogo siciliano che sarà tappa del proprio tragitto verso la striscia di Gaza per la campagna internazionale di sensibilizzazione e protesta verso il blocco del ...
Leggi Tutto
Federica Pace L'arte di essere nessuno

L’arte di essere nessuno di Federica Pace: identità di genere, disabilità, amore e morte di fronte al dolore della non accettazione

“Amore è il fatto che tu sei per me il coltello col quale frugo dentro me stesso” Richiama questa frase Federica Pace, classe 1989, di origine siciliana, una terra storicamente gemellata con quella partenopea, autrice del libro L'Arte di essere ...
Leggi Tutto