Francia, Emmanuel Macron nuovo presidente della Repubblica. In primo piano: Europa, lotta al terrorismo e moralizzazione della politica

È il più giovane presidente eletto all’Eliseo, lo hanno scelto quasi i due terzi dei votanti preferendolo a Marine Le Pen, leader del Front National, partito di estrema destra. Appena eletto Emmanuel Macron ha raccomandato di non fischiare i sostenitori della rivale sconfitta, i cui voti hanno espresso “rabbia”, affermando l’auspicio che i francesi “tra cinque anni non debbano più votare per un partito estremista“. Confermati i propositi di rafforzare la UE: “Ricostruirò il legame tra l’Europa e i popoli che la compongono, tra l’Europa e i suoi cittadini”, ha annunciato.
L’astensionismo comunque raggiunge il 25%, record storico dal 1969, scrive l’Express. Record storico assoluto di schede bianche, il 12%.
L’agibilità politica del nuovo presidente per i prossimi cinque anni dipenderà dal voto dell’11 e 18 giugno con cui verrà eletto il nuovo Parlamento. Un sondaggio, pubblicato dal quotidiano Les Echoes sull’attribuzione dei 577 seggi dell’Assemblea nazionale, prevede la possibilità che il movimento di Macron, “En Marche!”, ottenga dai 249 ai 286 seggi, sfiorando la maggioranza assoluta.


Link esterno correlato: Elezioni Francia, Macron presidente: ‘Difenderò il destino comune dell’Europa’

Pin It on Pinterest