Da Raggi a Glik, ecco gli errori del Palermo. E Vazquez si salvò a stento…

La Champions e la malinconia. Non quella di Roma e Napoli per le occasioni mancate e neanche quella di Inter e Milan che la Coppa la guardano sfogliando l’album dei ricordi. Parliamo della malinconia palermitana supportata dal pensiero che in campo, potenzialmente, potevano essere ben 4 gli ex rosanero. Il dolore più grosso, forse, non ci è stato inferto dai bianconeri Barzagli e Dybala, entrambi ammirati alla Favorita e peraltro e ceduti a prezzi stellari. Il groppo in gola viene leggendo la distinta del Monaco che di ex rosa ne avevano due anche loro. Due che sono stati mandati via quasi a calci nel sedere, come vecchi scarponi, a dimostrazione di quanto a volte allenatori e direttori sportivi vivano anch’essi di pregiudizi.

Stiamo parlando di Raggi e Glik, entrambi arrivati nell’epoca aurea di Zamparini. Il primo sponsorizzato da Colantuono e questo forse fu la sua condanna (per così dire, visto che è finito nel Principato di Monaco e a giocare la Champions…). Esonerato il tecnico, scomparve dall’orizzonte della prima squadra.

Glik la maglia rosa l’ha vista in tv, all’arrivo del Giro d’Italia. E dire che vantava anche il fatto di essere stato nell’orbita del Real Madrid. Doveva riprendersi da un infortunio, nessuno ha avuto la pazienza di aspettarlo e così fu regalato al Torino.

Come regalato fu anche Biava che sarebbe rimasto a Palermo a vita. Prima al Genoa e poi alla Lazio ha disputato altri 6 campionati da protagonista. Scartato sul nascere Terranova, per anni colonna del Sassuolo, e Joao Pedro, acquistato come un nuovo Pelè, ha giocato solo per la Primavera prima di trovare a Cagliari la sua vera dimensione. Altri applausi per la cessione di Amelia: cambio alla pari con Rubinho, a sua volta regalato due mesi dopo essere stato bruciato dall’esordiente Sirigu. A proposito di Sirigu, “un portiere che non muove un piede dalla linea di porta”: fu il giudizio tranciante di Zamparini. Finì al Psg (non al Canicattì…) a contorno dell’operazione Pastore e poi ha conosciuto anche la maglia azzurra. Andò peggio a Farias, doveva essere la punta d’appoggio a Toni nell’anno della promozione, poi la sua alternativa: una partita e viaggio di ritorno in argentina (dove per inciso segnò gol in quantità industriale). Era stato preso a caro prezzo dal Venezia, si dice a parziale conguaglio del pacco che Zamparini fece a Dal Cin che da lui ereditò i lagunari. Letta così è forse più comprensibile ma resta l’abbaglio tecnico.

Poco accorti anche nel caso di Kasami, un altro che dopo Palermo conobbe le coppe europee e la nazionale, irritanti verso Maccarone a cui fu concesso poco meno di un girone prima di mandarlo alla Samp. Qualche giustificazione il Palermo può reclamarla nei casi di Mutarelli e Nocerino: volevano entrambi andare via ma Zamparini non ha fatto nulla per trattenerli. Se di Pinilla non si apprezzava il suo temperamento (più fuori dal campo che dentro) e alcune amicizie poco apprezzate nell’entourage presidenziale, di Caracciolo non si gradì il suo non essere…Toni. E per questo bocciato senza remore. Restano Raimondi e Munari, anche loro regalati, errori di poco conto rispetto ai sopra citati ma pur sempre capaci di collezionare qualche centinaio di presenze in serie A. Da questa “strage” si è salvato, ma davvero per poco, Franco Vazquez: dato in prestito gratuito al Rayo Vallecano, fece ritorno in rosa nell’anno di Gattuso. E finì fuori rosa. Stava per essere regalato, arrivò Iachini e ne bloccò la cessione su consiglio – pare – di Dybala. Ancora pochi giorni e Zamparini avrebbe stravinto l’oscar per le minchiate.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto