Messina, due condanne per la morte di Ilaria Boemi

Era il 9 agosto del 2015 quando la sedicenne Ilaria Boemi morì sulla spiaggia del Ringo a Messina, dopo aver assunto una dose di una droga chiamata Mdma, e conosciuta come“maddy”.

Nella tarda serata di ieri i giudici della seconda sezione penale del tribunale di Messina, dopo una camera di consiglio durata più di sei ore, hanno emesso la sentenza. Ad essere condannati sono Giuseppe Restuccia al quale è stata inflitta una pena di 10 anni e quattro mesi di carcere  e Pietro Triscari a 4 anni e quattro mesi. Tutti e due imputati nel processo per la morte della giovane messinese.

Gli investigatori sono riusciti ad arrivare al pusher Giuseppe Restuccia, condannato per omicidio come conseguenza di reato di spaccio. Fu lui, infatti, a consegnare la dose di droga a Gaia Auteri (condannata nel 2016 a 6 anni e 8 mesi) che la girò a Ilaria, che poi la consumò in compagnia di Triscari.

L’uomo a quel tempo aveva 39 anni e dal dibattimento del processo è anche emerso che avrebbe compiuto violenze sessuali ripetute nei confronti di Ilaria e di due sue amiche minorenni.

 

 

Pin It on Pinterest