Trapani resta low cost: Ryanair continuerà a volare su Birgi

Trapani volerà ancora low cost: grazie ai fondi stanziati dalla finanziaria regionale, che è stata votata all’Ars sabato mattina, è stato raggiunto l’accordo con l’Ams, società che gestisce il marketing della Ryanair. Un piano di rifinanziamento triennale che destinerà agli aeroporti di Birgi e Comiso 5 milioni e mezzo di euro per il 2017, 6 milioni per il 2018 e 6 milioni e mezzo per il 2019.

Resta la questione legata ai Comuni, che dovranno versare 2 milioni e 225 mila euro alla Camera, cifra che verrà poi girata all’Airgest (società che gestisce l’aeroporto trapanese) e integrata alle altre somme. Sembra infatti che alcuni Comuni non abbiano ancora versato il saldo della quota precedente.

“Abbiamo raggiunto l’obiettivo di dare allo scalo trapanese quella stabilità e quell’equilibrio finanziario assolutamente indispensabile per il futuro”, ha commentato l’assessore regionale Baldo Gucciardi nel corso della conferenza stampa che si è tenuta nei locali della camera di commercio. “Con questo intervento abbiamo messo in sicurezza questo importantissimo volano di sviluppo, potendo così puntare in tempi ragionevoli a superare i due milioni di passeggeri, fondamentale impulso per l’incremento turistico dei nostri territori».

Intanto buone notizie arrivano dalla Corendon Dutch Airlines che a partire dal prossimo 15 giugno collegherà l’aeroporto di Trapani con Amsterdam.

Pin It on Pinterest