Insulti razzisti a Muntari, i fischi a Koulibaly e i cori contro Napoli. Il volto schifoso della Serie A

C’è una malattia dell’anima da cui il calcio italiano non riesce proprio a guarire: il razzismo. A farne le spese, i giocatori di colore e le squadre del Sud. Uno spettacolo deprimente e vergognoso di cui ieri sono andati in scena tre atti: gli insulti al pescarese Muntari a Cagliari, i fischi al napoletano Koulibaly e i cori contro Napoli al Meazza, nella partita con l’Inter.

Scene abbastanza consuete, sui campi della Serie A, alle quali non si riesce a mettere la parola fine. Gli arbitri dovrebbero sospendere le partite, la Federazione dovrebbe intervenire più duramente, e talora non lo fanno. Ma non può essere soltanto la punizione a frenare gli idioti che se ne rendono protagonisti. Per paradosso, potrebbe essere Muntari a pagare: ammonito a Cagliari per aver fatto notare all’arbitro quello che gli pioveva addosso dagli spalti, potrebbe essere squalificato per il suo sfogo a fine gara. Questione di educazione e di cultura: negli stadi, le persone continuano a dare il peggio di sè: “negro” ai calciatori di colore, “zingaro” a quelli dell’est, altre amenità alle squadre e ai giocatori del sud. “Vesuvio lavali col fuoco” è un ritornello che si è sentito a Torino, a Milano, persino a Foggia!

Una vergona che riflette ignoranza, spirito piccoli, che ispira sdegno e le solite parole di condanna, che non bastano mai. Persino nel basket, nei giorni scorsi, lo sponsor della Fortitudo Bologna, che stasera affronterà il Moncada di Agrigento, si è chiesto sarcasticamente se la città siciliana “sia ancora in Italia”. Gente che con lo sport e i suoi valori inclusivi e di rispetto non c’entrano nulla e che alcuna repressione potrà mai “rieducare”. C’è da auspicare che non entrino mai in uno stadio o in un palazzetto. Ma i metal detector, i controlli alle porte possono guardare negli zaini o nelle borse, mai nelle anime, che spesso hanno abissi profondi e tasche piene di vergogne.

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Visita oggi del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel quartiere di Librino a Catania, dove ha preso parte all’inaugurazione di viale Carlo Azeglio Ciampi. Alla cerimonia hanno partecipato anche il figlio dell’ex Capo dello Stato, Claudio Ciampi, il governatore della ...
Leggi Tutto
Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Sparati contro un centro ricreativo di persone nordafricane in via Senia a Vittoria, nel Ragusano, quattro colpi di pistola. Ad intervenire i Carabinieri, che stanno ascoltando alcuni testimoni. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, i colpi sarebbero stati sparati ...
Leggi Tutto
Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Dieci cani completamente abbandonati a se stessi, sporchi, senza né acqua né cibo e con evidenti ferite sanguinanti, sono stati trovati all’interno di una villa dismessa, costretti a vivere tra le loro feci, diversi rottami e senza un riparo, a ...
Leggi Tutto
Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, per trasformare un’attività ludica in un’opportunità economica, con effetti benefici per tutto il territorio siciliano. A tenerle l’associazione Ciclabili Siciliane, giunta al terzo appuntamento - previsto il prossimo 19 gennaio, dalle ore 19 alle 21, presso il ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest