Insulti razzisti a Muntari, i fischi a Koulibaly e i cori contro Napoli. Il volto schifoso della Serie A

C’è una malattia dell’anima da cui il calcio italiano non riesce proprio a guarire: il razzismo. A farne le spese, i giocatori di colore e le squadre del Sud. Uno spettacolo deprimente e vergognoso di cui ieri sono andati in scena tre atti: gli insulti al pescarese Muntari a Cagliari, i fischi al napoletano Koulibaly e i cori contro Napoli al Meazza, nella partita con l’Inter.

Scene abbastanza consuete, sui campi della Serie A, alle quali non si riesce a mettere la parola fine. Gli arbitri dovrebbero sospendere le partite, la Federazione dovrebbe intervenire più duramente, e talora non lo fanno. Ma non può essere soltanto la punizione a frenare gli idioti che se ne rendono protagonisti. Per paradosso, potrebbe essere Muntari a pagare: ammonito a Cagliari per aver fatto notare all’arbitro quello che gli pioveva addosso dagli spalti, potrebbe essere squalificato per il suo sfogo a fine gara. Questione di educazione e di cultura: negli stadi, le persone continuano a dare il peggio di sè: “negro” ai calciatori di colore, “zingaro” a quelli dell’est, altre amenità alle squadre e ai giocatori del sud. “Vesuvio lavali col fuoco” è un ritornello che si è sentito a Torino, a Milano, persino a Foggia!

Una vergona che riflette ignoranza, spirito piccoli, che ispira sdegno e le solite parole di condanna, che non bastano mai. Persino nel basket, nei giorni scorsi, lo sponsor della Fortitudo Bologna, che stasera affronterà il Moncada di Agrigento, si è chiesto sarcasticamente se la città siciliana “sia ancora in Italia”. Gente che con lo sport e i suoi valori inclusivi e di rispetto non c’entrano nulla e che alcuna repressione potrà mai “rieducare”. C’è da auspicare che non entrino mai in uno stadio o in un palazzetto. Ma i metal detector, i controlli alle porte possono guardare negli zaini o nelle borse, mai nelle anime, che spesso hanno abissi profondi e tasche piene di vergogne.

A Palermo con Enea per la casa sostenibile del futuro

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il Direttore del Dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’ ENEA, Roberto Moneta, alla presenza del Vice Sindaco Sergio Marino, dell’ Assessore alla Scuola e Formazione Giovanna Marano e del responsabile dei centri di consulenza ...
Leggi Tutto
"L'Anima Animale", la band siciliana Onorata Società annuncia il suo nuovo album

“L’Anima Animale”, la band siciliana Onorata Società annuncia il suo nuovo album

Un nuovo album, il terzo, per la band siciliana Onorata Società che uscirà in autunno e s’intitolerà “L’Anima Animale”: otto tracce, nuove sonorità, l’impegno e l’ironia dei testi, un titolo pensato come auspicio ad una conciliazione tra gli istinti dell’animale ...
Leggi Tutto
Pista ciclabile su ex linea ferrata Palermo-Monreale, Figuccia (Udc): “Ennesima bufala di Orlando”

Pista ciclabile su ex linea ferrata Palermo-Monreale, Figuccia (Udc): “Ennesima bufala di Orlando”

“L’idea di trasformare il percorso dell’ex linea ferrata Palermo-Monreale in una pista ciclabile è l’ennesima bufala spacciata da Orlando come una grande idea innovativa”. Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo, che prosegue: “Stamattina, a Villa Niscemi, è stato ...
Leggi Tutto
D'Francesco Arca, Sebastiano Tusa, Salvatore Livreri Consoli

Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee, chiude la cinquantanovesima edizione

Cala il sipario sulla Cinquantanovesima edizione della Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee, che dal 18 al 24 giugno, ha coinvolto a Ustica turisti, appassionati del mare e residenti. I premi “Tridenti d’Oro”, considerati i “Nobel delle attività subacquee”, sono stati ...
Leggi Tutto