Ragusa, rimpatriato un tunisino sospettato di terrorismo

Un uomo di 32 anni di origini tunisine residente nella provincia di Ragusa è stato rimpatriato oggi perché sospettato di terrorismo.

Secondo le indagini della Digos ragusana, l’uomo sarebbe stato contiguo agli ambienti del fondamentalismo islamico: avrebbe pubblicato sul proprio profilo Facebook contenuti radicali, condiviso altro materiale postato da utenti sospetti e consultato altri contenuti che avrebbero giustificato la jihad.

In particolare avrebbe mostrato un forte interesse per alcuni post riconducibili al fondamentalismo islamico e ad un esponente di vertice dell’organizzazione terroristica Al Jama’a al Islamiyya, responsabile dell’attentato compiuto nel sito archeologico Luxor in Egitto nel 1997, in cui furono uccisi 58 turisti e 4 egiziani.

Il 32enne, che aveva anche il permesso di soggiorno per motivi lavorativi scaduto, è stato dapprima trattenuto presso il Centro di espulsione di Caltanissetta, per poi essere rimpatriato tramite un volo da Palermo a Tunisi. Altri due tunisini erano stati espulsi la scorsa settimana nella provincia di Ragusa perché manifestavano adesione ideologica all’Isis.

Pin It on Pinterest