Il giorno della fucilazione di Mussolini e l’atto d’amore di Claretta Petacci

Settantadue anni fa il Colonnello Valerio, nome di battaglia del partigiano Walter Audisio, giustiziava dopo la cattura, Benito Mussolini e la sua amante Claretta Petacci. Questo il racconto. “Dopo averli fatti salire in macchina, non li mollai un’attimo di vista e arrivati nel luogo che io solo conoscevo, li feci scendere e mettere davanti a un muro. Il Duce ascoltò poi, impassibile, la lettura della condanna. Quando però si accorse che il mitra, che gli avevo puntato era pronto per sparare, impaurito balbettò qualcosa di incomprensibile. Faccio scattare il grilletto ma i colpi non partono, manovro l’otturatore ma il mitra è inceppato. Prendo la pistola e provo a sparare, ma anche questa s’inceppa. Qualsiasi uomo a questo punto avrebbe reagito per sfuggire alla morte, lui tremava e restava immobile. Mi feci portare il fucile a ripetizione MAS e feci fuoco su Mussolini che cadde in ginocchio colpito, dopo una seconda raffica ed il corpo mortale al cuore”. La Petacci, che nel frattempo si era interposta tra il fucile e il Duce, fu uccisa da  una raffica successiva. La giovane volle così condividere, come estremo atto d’amore, il destino riservato al dittatore. Si dice che la sua esecuzione rappresentò uno dei momenti di dissidio tra le truppe partigiane. La responsabilità dell’esecuzione sarà rivendicata dal Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, con un comunicato del 29 aprile 1945.

Timeline del 28 aprile

1140 – Consacrazione della Cappella Palatina del Palazzo Reale di Palermo
1738 – Roma, papa Clemente XII condanna la massoneria, tramite la bolla papale In eminenti apostolatus specula
1789 – Ammutinamento del Bounty: una parte degli ufficiali si solleva contro il capitano William Bligh
1932 – Viene annunciata la scoperta di un vaccino contro la febbre gialla
1937 – Roma, inaugurazione di Cinecittà
1937 – Apre il Metropolitan Museum of Art di New York
1939 – Adolf Hitler rompe il patto di non aggressione con la Polonia
1940 – Roma: papa Pio XII manda un messaggio a Benito Mussolini, chiedendogli di non entrare in guerra. Galeazzo Ciano scriverà sui suoi diari: «l’accoglienza del Duce è fredda, scettica, sarcastica»
1945 – Seconda guerra mondiale: Benito Mussolini e la sua compagna Clara Petacci, catturati a Dongo mentre tentavano di espatriare in Svizzera, vengono fucilati da membri della resistenza italiana a Giulino di Mezzegra
1977 – Germania: Termina il processo contro i membri della Rote Armee Fraktion (più conosciuta come Banda Baader-Meinhoff): Andreas Baader, Gudrun Ensslin e Jan-Carl Raspe sono riconosciuti colpevoli di quattro omicidi ed oltre trenta tentativi di omicidio
1990 – New York: dopo oltre 6.200 recite si chiude per l’ultima volta il sipario sul musical A Chorus Line
2004 – Stati Uniti d’America: la rete TV CBS mostra le immagini di prigionieri iracheni maltrattati e umiliati da soldati americani nel carcere di Abu Ghraib
2013 – Roma: durante l’insediamento del governo Letta, Luigi Preiti apre il fuoco nella piazza antistante palazzo Chigi, ferendo due carabinieri ed una donna

I NATI OGGI

1882 – Alberto Pirelli, imprenditore
1936 – Tareq Aziz, politico e diplomatico iracheno
1937 – Saddam Hussein, politico iracheno
1947 – 
Carlo Vizzini, politico e accademico
1960 – Walter Zenga, allenatore di calcio e ex calciatore
1961 – Laura Boldrini, giornalista, funzionaria e politica
1961 – Anna Oxa, cantante
1967 – Paola Barale, conduttrice televisiva, attrice e showgirl
1969 – Pier Silvio Berlusconi, imprenditore e dirigente d’azienda
1974 – Penélope Cruz, attrice spagnola
1981 – Jessica Alba, attrice, modella e imprenditrice statunitense
1981 – Ilary Blasi, showgirl e conduttrice

Pin It on Pinterest