Baccaglini superstar. Conferma la chiusura dell’affare ma non aggiunge niente di nuovo

Paul Baccaglini conferma che l’affare per l’acquisto del Palermo è ormai cosa fatta come scritto dai giornali, e, in una diretta sul sito del Giornale di Sicilia dà vita a uno show, dove però, non dice nulla di concreto sulla società che comprerà il club, sui finanziatori e sulle scelte tecniche per affrontare la prossima stagione, in Serie B.

Tante, tantissime parole che servono per rassicurare i tifosi e qualche battuta come “Se saremo promossi, correrò nudo per le strade di Palermo”, ma di tangibile poco o nulla. “Costruiremo una squadra tecnicamente attrezzata per tornare subito in Serie A. Abbiamo in mente una rosa di nomi tra i quali scegliere il nuovo allenatore. Non un nome “sperimentale”, ma persone esperte della Serie B. Nella squadra ci sarà una rivoluzione. Sceglieremo giocatori che rappresentano i valori del nostro progetto, cme Nestorovski e Rispoli, nomi funzionali per il progetto e non viceversa. Avere un budget superiore a quello delle altre squadre di B sarà un vantaggio”.

Niente nomi sui finanziatori della sua YW&F Global Limited per un vincolo di riservatezza nei contratti e una battuta: “Volevamo chiamarla 800A Global Limited, ma abbiamo desistito”. Quanto al ruolo di Zamparini, “Sarò felice di ascoltare lui, come altre persone, ma deciderò con la mia testa, e poi, casomai, chiamerà me al telefono e nessun altro”.

Per chiudere, capitolo stadio: “Sarà una cosa fantastica, un tempio dove si celebrerà il rito del Palermo”.

Insomma, cose già dette e ridette. In un periodo in cui i tifosi avrebbero bisogno di appigliarsi a qualcosa di concreto per immaginare un futuro migliore del triste presente, sarebbe stato necessario qualcosa di più tangibile. Baccaglini si è confermato quel formidabile comunicatore che si sapeva già, ma da “comunicatore” a “imbonitore” il passo può essere breve. Vedremo nei prossimi giorni dove sta la verità.

Pin It on Pinterest