In semifinale di Champions la Juve trova il Monaco degli ex rosanero Raggi e Glik

La Juventus chiederà il pass per la finale di Champions League ai francesi del Monaco degli ex rosanero Andrea Raggi e Kamil Glik. Questo il responso dell’urna di Nyon, dove si è svolto il sorteggio; nell’atra semifinale, sarà derby di Madrid tra Real e Atletico. La riproposizione di due finali degli ultimi tre anni.
Per Juventus e Monaco, invece, sarà il terzo incrocio, dopo quelli del 1998 e del 2015: due sfide, due qualificazioni dei bianconeri che, in entrambe le occasioni, raggiunsero poi la finalissima, perdendola con una spagnola, nel primo caso col Real, nel secondo con il Barcellona. Nel 1998, la Juve si impose a Torino per 4-1, con tripletta di Del Piero e gol di Zidane, per perdere 3-2 nel Principato al ritorno. Due anni fa, un solo gol in due partite, quello di Vidal all’andata, a Torino, su rigore contestato.
Il Monaco era l’avversaria che tutte volevano incrociare, perché sulla carta la più abbordabile. Ma la capolista della Ligue 1, oltre a essersi messa alle spalle il PSG che potrebbe cedere lo scettro in Francia dopo cinque anni, ha fatto fuori in questa edizione di Champions il Manchester City di Guardiola e il Borussia Dortmund, grzie ai gol di Radamel Falcao e, soprattutto, di Kyril Mbappè, diciottenne astro nascente del calcio europeo. Per lui, sette gol: sarà un degno avversario per Paulo Dybala. Tanti i volti noti della squadra biancorossa: da Morgan De Sanctis, ex portiere di Udinese e Napoli, ma cresciuto nelle giovanili della Juventus, a Andrea Raggi e Kamil Glik. I due hanno anche un passato al Palermo: un anno per il polacco, il 2010/11, prima di diventare un “cuore Toro”, capitano del Torino, e sei mesi per Raggi, arrivato da Empoli nell’estate del 2008 e partito per la Sampdoria a gennaio del 2009. Scarti rosanero, scarti da Champions.

Pin It on Pinterest