DIA, beni confiscati per 3ml di euro a Giovanni Filardo cugino del superlatitante Matteo Messina Denaro

Una confisca da 3 milioni di euro all’imprenditore trapanese Giovanni Filardo, cugino del superlatitante Matteo Messina Denaro. Beni che comprendono una villa, la sua azienda, un fabbricato, terreni e anche diversi conti correnti bancari. L’uomo venne arrestato nel 2010 per concorso in associazione mafiosa. E fu anche accusato di essere componente del mandamento mafioso di Castelvetrano. Condannato a 12 anni e sei mesi per estorsioni, incendi, interposizione fittizia di valori e per aver agevolato la latitanza di Matteo Messina Denaro.

Inoltre, la sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani ha emesso contro di lui la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di dimora per quattro anni.

Pin It on Pinterest