Ippodromo chiuso, protesta dei lavoratori in corteo dal Teatro Massimo alla Prefettura

Hanno raggiunto la sede della Prefettura in via Cavour dopo aver manifestato davanti il Teatro Massimo. Sono i lavoratori dell’ippodromo di Palermo chiuso per “mafia” dall’8 marzo scorso. In tutto 400 persone che adesso si trovano senza lavoro. A chiedere la riapertura della struttura sono anche i driver e quelli che si occupano della manutenzione dei cavalli.

Sulla vicenda interviene Giovanni Cascio presidente della Ires, società di gestione delle corse che ribadisce la necessità di riaprire l’Ippodromo. “Noi – spiega Cascio – chiediamo un aiuto alle autorità e alle Forze dell’Ordine per contrastare il rischio di infiltrazioni. Non abbiamo ancora avuto risposte. E anche Giovanni La Rosa rappresentante dei guidatori parla di misura eccessiva: “Le indagini esistono da un vita, e si possono anche fare con l’ippodromo aperto”.

Per Enzo Campo della Cgil servono risposte certe. “L’ippodromo di Palermo – dice Campo – rappresenta un punto importante per lo sport palermitano ma deve agire dentro un quadro di legalità e nel massimo di pulizia. Noi torneremo a chiedere al Prefetto che si faccia un tavolo per avere certezze. Perché fermo restando le indagini che ci sono in corso, vorremmo sapere qual è la situazione e se sarà possibile  ricorrere agli ammortizzatori sociali per i lavoratori”.

E parla anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. “Nel confermare, anche in questa occasione, il nostro ringraziamento e sostegno alla magistratura ed alle forze dell’ordine, perché le verifiche siano attente, capillari e scrupolose, auspichiamo che questa vicenda possa avere percorso netto e veloce,  affinché l’ippodromo cittadino possa riprendere, in tempi ragionevolmente brevi,  la sua attività, all’interno di un indispensabile alveo di legalità e trasparenza. Non si può trascurare – aggiunge Orlando – che al di là del fenomeno sportivo e ludico, l’ippodromo costituisce l’unica fonte di reddito e di sostentamento  per la maggior parte degli operatori dell’indotto e per i rispettivi nuclei familiari, che proprio in un percorso di legalità devono trovare garanzie e tutele”.

 

 

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto