Ippodromo chiuso, protesta dei lavoratori in corteo dal Teatro Massimo alla Prefettura

Hanno raggiunto la sede della Prefettura in via Cavour dopo aver manifestato davanti il Teatro Massimo. Sono i lavoratori dell’ippodromo di Palermo chiuso per “mafia” dall’8 marzo scorso. In tutto 400 persone che adesso si trovano senza lavoro. A chiedere la riapertura della struttura sono anche i driver e quelli che si occupano della manutenzione dei cavalli.

Sulla vicenda interviene Giovanni Cascio presidente della Ires, società di gestione delle corse che ribadisce la necessità di riaprire l’Ippodromo. “Noi – spiega Cascio – chiediamo un aiuto alle autorità e alle Forze dell’Ordine per contrastare il rischio di infiltrazioni. Non abbiamo ancora avuto risposte. E anche Giovanni La Rosa rappresentante dei guidatori parla di misura eccessiva: “Le indagini esistono da un vita, e si possono anche fare con l’ippodromo aperto”.

Per Enzo Campo della Cgil servono risposte certe. “L’ippodromo di Palermo – dice Campo – rappresenta un punto importante per lo sport palermitano ma deve agire dentro un quadro di legalità e nel massimo di pulizia. Noi torneremo a chiedere al Prefetto che si faccia un tavolo per avere certezze. Perché fermo restando le indagini che ci sono in corso, vorremmo sapere qual è la situazione e se sarà possibile  ricorrere agli ammortizzatori sociali per i lavoratori”.

E parla anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. “Nel confermare, anche in questa occasione, il nostro ringraziamento e sostegno alla magistratura ed alle forze dell’ordine, perché le verifiche siano attente, capillari e scrupolose, auspichiamo che questa vicenda possa avere percorso netto e veloce,  affinché l’ippodromo cittadino possa riprendere, in tempi ragionevolmente brevi,  la sua attività, all’interno di un indispensabile alveo di legalità e trasparenza. Non si può trascurare – aggiunge Orlando – che al di là del fenomeno sportivo e ludico, l’ippodromo costituisce l’unica fonte di reddito e di sostentamento  per la maggior parte degli operatori dell’indotto e per i rispettivi nuclei familiari, che proprio in un percorso di legalità devono trovare garanzie e tutele”.

 

 

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto