La sceneggiatura di Tornatore: “Io e la mia Palermo”

Una carrellata di suggestioni come solo lui avrebbe potuto regalarci. Giuseppe Tornatore “scrive” in esclusiva per il Gaz.it la sceneggiatura del suo rapporto con Palermo, da quando, bambino, viaggiava in corriera verso la città, ai sogni di adolescente che cercava fuori dal paese una nuova dimensione culturale. E poi la testimonianza di impegno civile offerta a una Palermo che nel ’93 voleva disperatamente affrancarsi dalla mafia e quel filo che oggi lo riporta a Palazzo delle Aquile. E le sue parole per ricostruire Palermo, ancora una volta.

AUDIO > Ascolta l’intervista

Pin It on Pinterest