Messina, tredici medici indagati per la morte di neonato di un mese e mezzo

Sono tredici i medici indagati per la morte di un neonato di un mese e mezzo avvenuta a Messina, per i quali il sostituto procuratore Rosanna Casabona ipotizza il reato di omicidio colposo. Si tratta di tutti i medici che hanno seguito il caso del piccolo nei due ospedali dove è stato ricoverato.

Il bambino era stato portato all’ospedale Policlinico di Messina lo scorso 24 anni, dove gli era stata diagnosticata la pertosse. Dopo il ricovero in pediatria è stato trasferito in terapia intensiva. Ma le condizioni non sono migliorate e i medici anno deciso di spostare il neonato all’ospedale Sirina di Taormina dove sono in possesso dell’Ecmo, macchinario che permette l’ossigenazione meccanica extracorporea. Al momento del trasferimento, però, le sue condizioni apparivano già drammatiche. Il piccolo è morto mentre veniva attaccato al macchinario, sotto gli occhi della madre.

A seguito della denuncia della madre è stata aperta un’inchiesta. Oggi è prevista l’autopsia dei consulenti nominati.

Pin It on Pinterest