I masnadieri dell’Acquasanta, una storia della Sicilia postunitaria, l’ultimo libro di Antonio Fiasconaro

I masnadieri dell'AcquasantaIl giovane Luigi Attanasio, falegname di mestiere, decide di rapire la sua Clementina, figlia del villano Vincenzo Mangiaracina. Cacciato in malo modo, tanto da far intervenire la pubblica forza, inizia – come risulta dagli atti dei Carabinieri Reali, – una serie di rapimenti, sgozzamenti, agguati.
Questo il presupposto narrativo de I masnadieri dell’Acquasanta di Antonio Fiasconaro, il quale ci restituisce, nella sua nota scrittura agile quanto vivida, la misura del linguaggio siciliano e della psicologia isolana.
Il ritratto d’una Sicilia sottoposta al giogo delle violente logiche feudali, e di una criminalità che inizia a manifestarsi in quelle gerarchie di malviventi che, ad oggi, sono ancora tristi marchi d’una città non redimibile. Sarà in un lontano venerdì del 21 aprile dell’anno 1893, che le azioni delittuose troveranno conclusione in Palermo. E ciò presso le severe stanze del Tribunale penale posto nello spazio di Palazzo Chiaramonte, il trecentesco Steri, sede, un tempo, della Santa Inquisizione. Così verrà chiuso il processo contro sequestratori e grassatori.

ANTONIO FIASCONARO
I MASNADIERI DELL’ACQUASANTA
Nuova Ipsa Editore
(Pagine 168 ca. – Ɛ 15,00)
ISBN: 978-88-7676-669-5
Collana: Mnemosine 37


Antonio Fiasconaro (Palermo 1961). Giornalista  e scrittore. Ha iniziato a sedici anni il mestiere di cronista. Si definisce, da sempre, un artigiano del giornalismo. Lavora dal 1990 per il quotidiano “La Sicilia” di Catania: si occupa prevalentemente di sanità, salute e politica sanitaria. Consigliere nazionale della FNSI (Federazione Nazionale della Stampa Italiana). Dal 2002 al 2009 ha curato l’ufficio stampa del Gruppo Parlamentare “La Margherita” all’Assemblea Regionale Siciliana e dal 2002 al 2010 l’ufficio stampa dell’azienda ospedaliera “Cervello” di Palermo. Consigliere regionale e componente della giunta esecutiva dell’Associazione Siciliana della Stampa. Sui scritti e saggi sono compresi in numerose pubblicazioni. Con questa casa editrice ha pubblicato il saggio poliziesco Morte d’autore a Palermo, 2013 (Premio Letterario Internazionale “Pietro Mignosi” per la saggistica 2015).

Foto di Fabio Sgroi - Rep. Ceca 2008 @ Fabio Sgroi

Fabio Sgroi / Un reportage in bianco e nero in quattordici paesi europei

Past Euphoria-Post Europa, libro fotografico di Fabio Sgroi, è la storia di un viaggio che attraversa in lungo e largo i Paesi dell’est Europa continentale. È un viaggio nel tempo, che coglie i diversi passaggi di un percorso articolato e complesso, ...
Leggi Tutto
Convegno Cgil Sicilia, Gianna Fracassi: "Il dibattito sul consumo di suolo e rigenerazione urbana è di fatto assente dall'agenda politica di questo Paese"

Fracassi (Cgil), “I temi della rigenerazione urbana sostenibile assenti dall’agenda politica del Paese”

Il dibattito sulla rigenerazione urbana sostenibile, presieduto dalla segretaria regionale della Cgil Sicilia Mimma Argurio e coordinato dal segretario generale di Cgil Catania Giacomo Rota, e quello sull'analisi degli studiosi di settore invitati dal sindacato, sono stati i temi principali ...
Leggi Tutto
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo per i 50 anni di attività

Mattarella conferisce la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo in occasione del cinquantesimo anno di attività. Si tratta di un riconoscimento che viene attribuito a discrezione del Presidente della Repubblica a iniziative ritenute ...
Leggi Tutto
Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma Dell'Utri resta in prigione per un conflitto di competenze della Corte d'appello di Caltanissetta

Conflitto di competenza, Dell’Utri resta in carcere: decisione rinviata al prossimo 8 marzo

Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, resta, almeno per il momento, in prigione. La Corte d'appello di Caltanissetta, che avrebbe dovuto decidere ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest