Il Teatro del Fuoco seleziona il cast per la decima edizione

È fissato per martedì 25 aprile, entro le ore 12, il termine ultimo d’invio della propria candidatura per partecipare, come performer, alla decima edizione del Teatro del FuocoInternational Firedancing Festival che si realizza ogni anno in Sicilia.

Il Teatro del Fuoco è brand testimonial della cultura italiana nel mondo, prodotto di marketing turistico culturale innovativo di alta qualità. Premiato dal Presidente della Repubblica Italiana, è stato inserito dalla rivista americana Forbes tra i migliori 12 festival al mondo, quelli per cui vale la pena fare il viaggio. Lo show si è esibito per il Ministero della Difesa a Roma, e ha rappresentato l’Italia a Tokyo, in occasione del 150° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone.

Il Teatro del Fuoco pone attenzione sui significati dell’elemento Fuoco nelle sue rappresentazioni. Il Fuoco inteso come “trasformazione” e “perenne divenire”, investe tutti i processi della vita umana, determinandone il rinnovamento e la rinascita spirituale e materiale. Il Fuoco è calore, vita, fertilità, passione, energia, Vulcano, ingegno, creativo, riti di passaggio, alimentazione, salute, immagine, cinema, fotografia, luce, Sole, stelle e molti altri significati ancora.

Per partecipare occorre inviare la propria candidatura a info@teatrodelfuoco.com, allegando curriculum, scheda spettacolo, durata e necessità tecnica, provenienza e assicurazione dell’artista.

Un’idea di confronto e dialogo culturale tra artisti di diverse nazionalità, lingue e tradizioni, ispirata anche alla simbologia alchemica e sperimentale di movimento, continuo mutamento ed evoluzione che scaturisce dal Fuoco.

Le migliori performance selezionate saranno inserite, a cura dell’organizzazione, all’interno del palinsesto ufficiale della decima edizione del Teatro del Fuoco: Show estivo e/o appuntamenti mensili previsti nella città di Palermo.

Due le sezioni del concorso:

  • One Man Show, con spettacoli proposti da un artista singolo;
  • Companies, con spettacoli proposti da formazioni di due artisti.

I rimborsi spese degli spettacoli variano da un minimo di 100 € fino a un massimo di 600 €, comprensivi di vitto, alloggio, diritti SIAE, ENPALS e trasporto a carico degli organizzatori.

La documentazione deve essere inviata entro il 25 aprile – ore 12:00.

Bando consultabile anche al link della pagina facebook https://www.facebook.com/teatrodelfuoco e sul web site www.teatrodelfuoco.com.

Giuseppe Lupo e Nadia La Malfa

Convolati a nozze nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo il politico Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa

Nozze principesche tra il il presidente del gruppo parlamentare del PD all'Ars Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa, che sono convolati a nozze, pronunciando il loro si nella suggestiva chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo davanti ...
Leggi Tutto
Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto
Manlio Noto e Marco Pomar

Marco Pomar e Manlio Noto nel musicospettacolo 80ANSIA, al Mille e una notte

Una serata dedicata ai meravigliosi anni 80 con un musicospettacolo intitolato 80ansia. Protagonista il duo artistico Marco Pomar e Manlio Noto. Ah, gli anni ottanta! I favolosi anni ottanta, si diceva. Chissà poi perché. Forse perché eravamo giovani, alcuni adolescenti, ...
Leggi Tutto