“Sogno di un uomo ridicolo” di Dostoevskij in scena alla Sala Strehler del Teatro Biondo

Va in scena al Teatro Biondo, il 30 aprile nella Sala Strehleri, “Il sogno di un uomo ridicolo” di Fëdor Dostoevskij, per la regia di Vincenzo Pepe.

“Sogno di un uomo ridicolo" di Dostoevskij in scena alla Sala Strehler del Teatro BiondoL’opera, pubblicata inizialmente nel Diario di uno scrittore, descrive la situazione paradossale di un uomo che decidendo di suicidarsi, si addormenta davanti alla rivoltella e sogna il suicidio. La vita dopo la morte lo sconvolge, vedendo un mondo totalmente diverso, pieno di benessere come una forma di malinconia nella precedente vita. L’uomo ridicolo nel nostro mondo vive una profonda crisi esistenziale, quella dell’egoismo, che lo porta a non curarsi di nulla, ma in questo egoismo si cela la radice di una profonda infelicità. Pensa di spararsi, si addormenta davanti alla rivoltella, ma dopo un incontro del tutto casuale con una bambina che supplica aiuto, lui rimane impassibile, dirigendosi direttamente a casa. Ma quell’incontro gli genera una profonda compassione nonostante il suo sentirsi un nulla assoluto. Quindi riscopre un lato sensibile che credeva di aver perso durante quella decisione. Nel sogno intraprende un viaggio assurdo e straordinario nello stesso tempo, in una terra inesistente, primeggia amore, felicità senza nessun tipo di male oscuro , quello che invece ognuno ha e che vive come una malinconia nella terra degli uomini. Ma sempre nello stesso sogno esce fuori la parte oscura che primeggia nel regno degli uomini e finisce per contaminare quegli esseri che non conoscevano il male, trasformandoli in presenze pieni di odio.
Ingresso solo con invito, info biglietti contattare il 3890256419.

Pin It on Pinterest