La Lazio elimina la Roma e va in finale di Coppa Italia. Si scatena l’ironia sul web

La Lazio conquista la finale di Coppa Italia, eliminando la Roma. Forti del 2-0 della gara di andata, i biancocelesti passano nonostante la sconfitta per 3-2 subita ieri in uno stadio Olimpico senza le barriere e con le curve tornate piene di tifosi.

I giallorossi sono riusciti a ribaltare due volte lo svantaggio, pareggiando con El Shaarawi la rete di Milinkovic Savic, nel primo tempo, e con Salah quella di Immobile. Lo stesso Salah ha segnato al rete della vittoria romanista. Finisce in gloria per Simone Inzaghi, allenatore laziale che festeggia il quarantunesimo compleanno nel migliore dei modi. La vittoria di uno stile, quello di Inzaghi fatto di lavoro umile e silenzioso oltre che di risultati, contro quello di Spalletti, fatto di proclami, di tanta filosofia ma con pochi obiettivi concreti raggiunti. Tanto che ormai l’eserienza dell’allenatore di Certaldo sulla panchina giallorossa sembra ormai al capolinea.

La qualificazione della Lazio alla finale ha scatenato l’ironia dei tifosi sui social. I tifosi biancocelesti hanno letteralmente massacrato Radja Nainggolan per quell’improvvida profezia di febbraio, quando intercettato in auto da alcuni supporter giallorossi aveva garatito che la Roma avrebbe battuto due volte i “cugini” e poi vinto la Coppa Italia. La vendetta corre sul web anche per il giornalista Clemente J Mimun, direttore del TG5 che su twitter si è scatenato, con una serie di tweet ironici e dissacranti: lui, di origini ebraiche, ha pubblicato una foto del muro del pianto di Gerusalemme, luogo sacro per gli ebrei, con una bandiera della Roma. Nel suo mirino, ovviamente, anche Franccesco Totti, Luciano Spalletti e gli altri giocatori della Roma. Insomma, la passione sportiva non fa prigionieri.

Pin It on Pinterest