La triste storia di un uomo che si attaccò al tram…

Giuseppe (nome fittizio), ogni giorno, intorno alle 13.30, prende il suo scooter e da via Bronte, zona Borgonuovo, guida fino in via Ruggero Settimo per andare al lavoro.

Per cause meteorologiche Giuseppe oggi decide di utilizzare il magnifico tram che transita a pochi passi da casa sua. Tutto perfetto, penserete, perché il tram è puntuale e Giuseppe arriverà in orario sul posto di lavoro.

Il primo dubbio, però, a Giuseppe viene pensando a quali mezzi dovrà prendere: un tempo un solo autobus passava per via Castellana, portandolo fino a piazza Croci. Certo, l’autobus aveva orari che i più definirebbero utopistici, nel senso che era un’utopia vedere l’autobus in orario e, in certe giornate, vedere l’autobus e basta. Giuseppe si convince che probabilmente, anche se dovrà prendere un secondo mezzo alla stazione Notarbartolo, riuscirà comunque ad arrivare in tempo. Decide, quindi, che è il momento di provare il tram ed esce da casa alle 13.00, mezz’ora prima rispetto al solito.

Il povero Giuseppe però non aveva fatto i conti con un problema più grande: trovare un biglietto Amat in prossimità di casa. Chiuso il tabacchi di via Castellana, chiusa l’edicola di via Modica. Leggenda narra che ci fossero i distributori automatici di biglietti alle fermate ma che questi siano stati eliminati a causa di simpatici autoctoni che si divertivano a rubare i pochi spiccioli contenuti all’interno. Intanto i minuti passano. Fortuna volle che un raggio di sole squarciò le nuvole e così, gettata alle ortiche l’idea di prendere il tram, Giuseppe decise di prendere lo scooter, arrivando appena in tempo per non essere rimproverato dai suoi capi.

Morale della favola: non importa che ci sia l’autobus, il tram o la metropolitana. Se non funzionano i servizi correlati è tutto inutile.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto