May, Chiara e la Brexit: la Palermo tradita da Londra

La Brexit vista da una palermitana a Londra. Un’analisi oggettiva da parte di chi non ha nulla da temere possedendo i requisiti che le consentiranno di non subire gli effetti dell’addio all’Unione Europea. Chiara Consiglio, 34 anni, laureata in Scienze della Comunicazione al Dams di Bologna, vive a Londra da quasi 11 anni dove è project manager di una prestigiosa media company. Da due anni cura il sito della Kia, per comprendere come soddisfazioni professionali ed economiche non le manchino.

Tuttavia non è detto che rimanga. Assieme al marito, ingegnere, sta pensando a nuove esperienze. La Brexit l’ha vissuta male, scoprendo il lato oscuro della terra che l’ha adottata e che in poco tempo l’ha consacrata tra le più brillanti professionisti della comunicazione digitale.

“È una vicenda che mortifica la storia di questo Paese – sottolinea Chiara – e sbaglia chi ritiene che possa fare marcia indietro. Si sono spinti troppo oltre e con Theresa May premier non c’è scampo. È la stessa persona che da Ministro voleva portare il numero di emigrati da 300.000 unità l’anno a 10.000”.

Londra accoglie 300.000 stranieri ogni anno?

Sì e da diversi anni. Immaginate una città come Messina trapiantata ogni anno in un’altra. È chiaro che il problema esiste, anche se Londra è grande. Cosa diversa è dall’oggi al domani pensare di attuare una politica di contenimento così drastica. Può un premier così immaginare un percorso di reintegro in Europa? Direi proprio di no. Il suo obiettivo è esattamente l’opposto, cavalcare il nazionalismo da sempre esistente in Gran Bretagna, confermare l’uscita dalla UE e consentire al suo partito, ormai egemone per l’inconsistenza dei labour, di abolire 8.000 leggi basate sui Trattati europei e di riscrivere tutto a proprio uso e consumo”.

Trecentomila persone, però,  producono economia. E, soprattutto, come si comporterà il Governo con la richiesta professionale delle aziende?

“Le aziende pagheranno forti tasse e risolveranno così il problema. L’idea dominante è appunto andare verso una selezione per cui chi può pagare resta, chi ha un contratto resta e gli altri a casa. Qualche problema la May lo avrà con i Paesi del Commonwealth. Pensate all’India, per esempio, a quanti indiani studiano e lavorano a Londra. Ma con questi Stati  avvierà trattative bilaterali e ciascuno troverà la sua convenienza”.

E gli italiani?

“Chi ha i requisiti, in maggioranza resterà. Tra questi molti siciliani. I problemi veri li avranno le coppie  miste. Cosa succederà, smembreranno le famiglie?”

Il vostro futuro?

“Ci stiamo guardando attorno e per la prima volta in 10 anni c’è il pensiero di andare via”.

Back to Palermo…

“Proprio no. Io vorrei andare a Barcellona, mio marito a Parigi. Troveremo una mediazione. Magari a Berlino”.

Escludi proprio il ritorno a casa?

“Amiamo Palermo e abbiamo a Palermo le nostre famiglie. Ma non troveremmo lavoro. Quando gli amici inglesi ci chiedono perché non torniamo a casa, forti di ciò che ha scritto il Guardian su Palermo, è difficile spiegare loro che la descrizione fatta dal giornale è assai diversa dalla realtà. Complimenti, comunque, allo staff di Orlando, ha fatto davvero un bel lavoro ma la Palermo che conosciamo noi è certamente più vera e assai diversa da quella descritta dal Guardian. Con noi il trucco non può funzionare”.

Borghi di Sicilia: presentazione del libro il 23 giugno a Catania

Far conoscere l’isola attraverso traiettorie insolite e coinvolgenti: è questo l’intento del libro "Borghi di Sicilia”, curato da Fabrizio Ferreri ed Emilio Messina, e pubblicato da Dario Flaccovio editore, che sarà presentato sabato 23 giugno alle 18,30 al Centro Multiculturale Mono, via Gornalunga 16, Catania. Converserà con ...
Leggi Tutto
Palermo, piante di marijuana in casa: arrestato 28enne sorpreso a spacciare per strada

Palermo, piante di marijuana in casa: arrestato 28enne sorpreso a spacciare per strada

Arrestato dalla Polizia di Stato, a Palermo, un pregiudicato di 28 anni, Lucio Benfante, residente nel quartiere Zen ma con domicilio a Borgo Vecchio. L'accusa è di produzione e spaccio di sostanza stupefacente. Sequestrate diverse piante di marijuana all'interno della ...
Leggi Tutto
Salvatore Ficarra e Valentino Picone

Tre giorni di Fuoricinema all’Orto Botanico di Palermo, dal 22 al 24 giugno

Fuoricinema Mediterraneo, tre giorni dedicati al cinema nello splendido scenario verde dell’Orto Botanico di Palermo, con la direzione artistica di Ficarra e Picone, dal 22 al 24 giugno. La manifestazione è la prima tappa del progetto itinerante di Fuoricinema, la ...
Leggi Tutto
D'Francesco Arca, Sebastiano Tusa, Salvatore Livreri Consoli

Ustica, dal 18 al 24 giugno la 59a Rassegna internazionale delle attività subacque

Inizia domani con un programma particolarmente ricco la Cinquantanovesima edizione della Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee che, dal 18 al 24 giugno, animerà Ustica con numerosi eventi che culmineranno con la cerimonia di consegna dei Tridenti d’Oro e Academy Award, ...
Leggi Tutto