Maradona contro la Konami: “Una truffa la mia presenza in PES 2017”

Diego Armando Maradona contro la Konami, rea di aver inserito la sua immagine nel videogame PES (Pro Evolution Soccer), a sua insaputa.

È lo stesso ex campione del Napoli ad attaccare la software house con un post sul proprio profilo Facebook, dove annuncia azioni legali.

“Ieri ho scoperto che l’azienda giapponese Konami utilizza la mia immagine per il suo gioco PES 2017”, si legge nel post. “Mi dispiace, ma il mio avvocato Matias Morla intenterà un’azione legale. Spero che questa truffa non vada avanti…”.

La Konami ha incluso Maradona nel pacchetto leggende della modalità myClub introdotto lo scorso 23 febbraio. Con lui, nel pacchetto, le altre vecchie glorie del Barcellona, squadra in cui ha giocato prima di approdare al Napoli. Nel videogames, Maradona risulta essere il calciatore più forte in assoluto, con un punteggio totale di 97 contro i 94 di Messi e i 92 di Cristiano Ronaldo, rispettivamente secondo e terzo classificato.

L’eventuale azione legale potrebbe anche dare ragione a Maradona: in passato la Electronic Arts ha dovuto pagare ben 60 milioni di dollari a causa di una class action partita dal cestista Ed O’Bannon, che aveva fatto causa alla software house per l’utilizzo a sua insaputa dei sui diritti di immagine nel videogame NBA Live. In quel caso, però, il risultato legale per il singolo atleta non fu dei più vantaggiosi: solo 7.026 dollari la cifra incassata a testa.

Pin It on Pinterest