Polizia e Carabinieri salvano Venezia dalla bomba jihadista

Stavano preparando un attentato sul ponte di Rialto, a Venezia. Tre uomini e un minore, tutti originari del Kosovo, sono stati arrestati ieri notte nel corso di un blitz a cui hanno partecipato i reparti speciali dei Nocs della Polizia e del Gis dei Carabinieri, in un’operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Venezia.

Agli arresti sono finiti Fisnik Bekaj, 24 anni, Dale Haziraj di 25 e Arjan Babaj, 27 anni, predicatore e leader della presunta cellula jihadista. Per tutti il reato contestato è quello di associazione di tipo terroristico anche internazionale.

Nella notte sono state eseguite 12 perquisizioni. In due appartamenti del centro storico di Venezia sono state trovate alcune pistole. Dalla rete avevano scaricato manuali di combattimento corpo a corpo che comprendevano anche le tecniche dell’uso dei coltelli. È stato accertato anche che compivano simulazioni per confezionare esplosivi fatti in casa. Oltre gli arrestati ci sarebbero anche altri tre indagati.

“A nome della città e di tutti i cittadini – ha commentato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro – non posso che esprimervi la più sincera riconoscenza per quanto state facendo per tutelare la nostra sicurezza e garantire la costante attività di controllo di tutto il territorio”.

Pin It on Pinterest