Riina jr padrino a battesimo, prete di Padova gli dà benestare, il vescovo Pennisi: “Intollerabile”

Scarcerato sei anni fa dopo essere stato condannato per mafia e ora col divieto di tornare a Corleone, Giuseppe Salvatore Riina, figlio del capomafia all’ergastolo, è rientrato nella sua città lo scorso 29 dicembre per fare da padrino al battesimo della figlia della sorella, dopo avere ottenuto il permesso del giudice. Riina jr s’è presentato alla chiesa madre con il certificato di idoneità rilasciatogli da un parroco di Padova, così don don Vincenzo Spizzitola, prete di Corleone, gli ha aperto le porte per la cerimonia. Una scelta che viene contestata da monsignor Michele Pennisi, vescovo di Monreale cui appartiene la comunità ecclesiale di Corleone, tra i prelati più impegnati sui temi della lotta alla mafia. “Né io, né gli uffici della Curia eravamo informati – dice il vescovo – Consentire al figlio di Riina di fare il padrino di battesimo è una scelta censurabile e quanto meno inopportuna, che io non approvo”.

Pin It on Pinterest