Coin, Lega: “Nel letto con mia moglie e non con un burocrate sodomita”. Penna, M5s: “Inaccettabile linguaggio omofobico”

Durante il dibattito alla Camera sulle comunicazioni del premier Giuseppe Conte sul Mes, il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche “fondo salva-Stati”, fondo europeo per garantire la stabilità finanziaria dei paesi dell’euro, il leghista Dimitri Coin si concede una grossolana espressione omofoba.

Il governo Conte incassa sul Mes 290 sì alla Camera, 165 al Senato, tra gli insulti della Lega. Il deputato Coin: “Al mattino, nonostante il Mes, vorrei svegliarmi nel letto con mia moglie e non con un burocrate sodomita”.

Aldo Penna
Aldo Penna

Sdegnata replica di Aldo Penna, deputato M5s: “Dagli interventi in aula stamattina, in particolare dal deputato della Lega Coin, è arrivata una espressione sessuofobica per parlare di MES e funzionari europei, definiti ‘sodomiti’.
Ancora una volta da parte della Lega si dimostra una cultura ossessionata dal sesso e dalle diverse preferenze sessuali vista come perversione e non come legittima espressione di vita.
Quando i leghisti al di là delle professioni di tolleranza e inclusività riporranno il loro armamentario omofobico e volgare, la tolleranza e l’accettazione dell’altro in Italia farà un passo avanti, ma fino ad allora saranno soltanto corresponsabili di un sempre più pericoloso clima di odio e intolleranza”.